L’inaugurazione del nostro negozio di Torino ha segnato la vera e propria apertura di un nuovo capitolo. Nella nostra storia fatta di strani incroci del destino e fortuite casualità, non potevamo che prendere al volo l’occasione di buttarci a capofitto in una nuova avventura.

Sono passati solo pochi mesi, ma sono stati  talmente intesi che ci piace l’idea di ripercorrerli insieme e prenderci un po’ di tempo per raccontare di noi.

Fin dall’inizio ci è stato chiaro che quello di Torino non poteva essere un semplice punto vendita, ma piuttosto uno spazio dove proseguire e ampliare la nostra ricerca: il recupero di tecniche artigianali e tradizionali che possano avere un impatto positivo sulla realtà contemporanea, in termini di etica, trasparenza, sostenibilità sociale e ambientale. Il tutto senza dimenticare il valore artistico del prodotto artigianale: nella  sua connotazione estetica, ma anche nella sua capacità di comunicare significati e trasmettere passione.

Per fare questo, abbiamo iniziato attingendo alla rete di relazioni tessuta lungo tutto il nostro percorso. Sono nate così le esposizioni di Controoccorrente – design in vetro di Maria Scarognina, dei vasi di ceramica di Giorgio Azzaretti e dei gioielli in alluminio di Alement. Una nuova conoscenza è invece l’illustratrice torinese Pia Taccone, i cui lavori sono attualmente in mostra in negozio. La nostra voglia di collaborazioni e contaminazioni però non si arresta e dal 15 giugno ospiteremo i gioielli di Luca Sebastian Zosi, realizzati in legni essenziali.

Tanti altri amici, vecchi e nuovi, continueranno ad animare il nostro spazio torinese di via Galliari 25… rimanete in ascolto.