Mascherine Emina

Visualizzazione del risultato

Le Mascherine Emina
Sono prodotte con tessuti upcycling, cioè scampoli di stoffa troppo piccoli per essere destinati alla confezione di capi di abbigliamento. Ho deciso quindi di ridare loro nuova vita convertendoli in un oggetto che (si spera per poco) sarà sulla bocca di tutt*.
Sono realizzate con tessuti naturali e composte da un doppio stato di stoffa al cui interno è possibile inserire un dispositivo filtrante aggiuntivo.
Sono lavabili a bassa temperatura e sterilizzabili con successiva stiratura.
Tuttavia non si tratta di un dispositivo medico.
La mascherina è avvolta in astuccio di stoffa riutilizzabile!
I tessuti mostrati nell’immagine possono non corrispondere a colori e fantasie del prodotto acquistato in base alle disponibilità di magazzino

___________________________________

Emina è Giulia Perin, un’antropologa e artigiana che ha trascorso gli ultimi anni in Indonesia per studiare le tecniche tradizionali di textile design. Dopo due anni di master nelle Università locali, si è avvicinata al mondo del batik durante un corso scolastico. Al secondo esperimento con i colori sintetici ha testato sulla sua pelle la tossicità di questi colori. Ha quindi sperimentato i colori vegetali tropicali per la prima volta grazie ad un professore balinese: Pak Made.

Dal 2016 collabora con le personalità più importanti nell’arte del batik contemporaneo indonesiano per imparare le antiche tecniche. Lavora alla creazione di nuovi motivi decorativi basati sui pattern classici dell’Indonesia precoloniale per la realizzazione di mini collezioni fatte di soli pezzi unici.

Attualmente coltiva rapporti di scambio con artigiani tintori, tessitori e maestri batik nelle varie isole dell’Indonesia.

Al Museo del Tessile di Chieri è la Responsabile dell’Orto tintorio e si occupa della didattica.

EMINA
Giulia Perin
Textile Designer . Batik and Natural Dyes Artisan
+39 347 888 3128
instagram: emina_batik
www.emina.us